';

Arti Marziali Imparare a Imparare

“Si insegna a chi vuole sapere. Impara solo chi vuole capire.”

Esistono due tipi di persone: quelle che di fronte alle difficoltà si dicono "ci riuscirò" e si impegnano per  risolvere i problemi, e quelle che si dicono "non ci riesco" e impediscono a se stesse di avere successo.

Si tratta di un principio generale che è valido anche  per Wing Tsun.

Alcuni allievi, quando si scontrano con un esercizio particolarmente ostico, iniziano il mantra del "non ci riesco" ovvero,  il modo migliore per non superare le difficoltà.

Il cervello umano è strano, se ci auto convinciamo di una cosa il nostro corpo metterà in atto ogni possibile strategia per confermare la nostra convinzione.

Il non ci riesco” è il modo più efficace per  fortificare il senso di inadeguatezza, ed è molto comodo poiché preserva dal doversi impegnare a trovare una soluzione.

Come uscirne?
Un primo semplice passo riguarda l’atteggiamento. Cosa pensi di te e della tua capacità di riuscire?

Comincia a pensarti in termini di possibilità invece che di impotenza: con le giuste informazioni posso;  se altri ci riescono anch’io posso riuscirci.

 

Potresti trasformare la generalizzazione “non riesco” utilizzando termini più precisi e circoscritti: “in questo specifico momento non ci sto riuscendo”, “dedicando la giusta attenzione e acquisendo le informazioni necessarie posso riuscire”.

Insomma, anche se all’inizio risulta complesso, credere di potercela fare per davvero, è il modo migliore per aiutarsi a riuscirci veramente.

 

Poi agisci. Agisci per gradi e con l’idea di riuscire e  ti renderai presto conto che tutto ciò che ti separava dal vincere quella sfida, era frutto delle tue interpretazioni, dei tuoi pensieri e del tuo dialogo interiore.

Scoprirai che poche cose sono impossibili se pensieri, parole e azioni sono allineate e congruenti.

 

Recommend
Share
Tagged in

Pin It on Pinterest